Io da qui non mi sposto (The Dark Side Of Taj Mahal)

di Stefano B. “depinamug”

Alla magnificenza frontale del Taj Mahal, Agra, India, corrisponde un retro fatto di percorsi con filo spinato per contenere e allontanare i contatti tra turisti e paria. I paria, però, usano quel corridoio di filo spinato come una resistenza di fronte ai turisti, spesso aggrappandosi, rimanendo fermi a fissarli.

[depinamug]

__________
Stefano B. “depinamug”
Una mattina depressa riflessa nella tazza di tè, appare e scappa a seconda di quanto acid, bitter and sad sia la sua giornata. Architetto, usa la sua canon 5DmkII più volte al giorno, ha un Blog senza pretese e tutto quello che serve per essere un viaggiatore 2.0. Da qualche anno si occupa di interventi di cooperazione in paesi disagiati e segue una compagnia di archeologi come responsabile per il consolidamento e la ricostruzione di siti archeologici in Omàn.

Informazioni su il Many

(marco manicardi)
Questa voce è stata pubblicata in outtakes. Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...