Questa cosa della resistenza

di Enrico Bergamini

Mi son molto informato su questa cosa della resistenza, e devo dire che non è una faccenda semplice da capire. Io ho anche fatto degli studi poco tecnici e quindi mi sono trovato in difficoltà con le formule e i simboli. Ho capito che comunque vada, certi materiali fanno più resistenza di altri, come si dice ”oppongono una maggiore resistenza”. Quindi, per dire, se sei fatto di rame, gli elettroni ti passano attraverso senza problemi e non riesci a fare blocco. Se invece sei fatto di un metallo diverso magari reggi meglio. Poi però c’è anche da capire il problema del riscaldamento, perché a forza di fare resistenza ti scaldi e ti riscaldi e sprechi energia, e viene un caldo bestia. Alla lunga, tra il caldo e la fatica che fai per resistere va a finire che il materiale che fa lo sforzo di resitere si usura e allora ci vuole un ricambio. Che deve poi essere dello stesso materiale, per fare una cosa fatta bene.
Poi mi hanno spiegato che per “Resistenza” si intendeva anche una cosa successa durante gli ultimi periodi della seconda guerra mondiale. Anche quella non è una faccenda semplice da capire, con morti ammazzati, dolori e tradimenti. Alla fine però mi è sembrata la stessa cosa. Anche a fare quella “Resistenza” li si fa una gran fatica, ti scaldi e ti agiti e rischi un sacco di non fare abbastanza. Questi qui della “Resistenza” hanno resistito un sacco di tempo e hanno avuto bisogno di un sacco di ricambi, dello stesso tipo di materiale, perché quando hanno iniziato, tutto bene, ma poi mica sapevano quando avrebbero finito. La cosa più importante, che vale per queste due cose allo stesso modo è praticamente una: che una volta che inizi a resistere non puoi smettere e dire che ti sei rotto i maroni.
Perché che tu sia un pezzo di metallo in un circuito o una persona in una guerra, bisogna che quando sei in ballo, balli e basta.

Informazioni su il Many

(marco manicardi)
Questa voce è stata pubblicata in ebook 2010. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Questa cosa della resistenza

  1. Pingback: Schegge di vita propria | Schegge di Liberazione

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...